una visione onirica che fonde fantasia e realtà, esotismo e classicismo, matericità e luce.
un componimento musicale libero da strutture che nasce da una spontanea improvvisazione. è un poema letterario inaspettatamente intenso ed emozionale.
un’alchimia inaspettata e sorprendente permea questa collezione, una musa eclettica e contemporanea interpreta una nuova, sottile opulenza.
questa “bohemian ballade” è suonata in due “arie”:

“chic naturality”
le silhouette vivono di colori calmi e rassicuranti come bosco, tabacco, avorio, carta da zucchero, cammello e ruggine.
grandi cardigan e facili cappotti in lana cotone abbracciano strutture in lino, bermuda in pelle e pantaloni in velluto stropicciato.
il soffice, puro cashmere esalta il desiderio di uno stile semplice e chic.

“contemporary boudoir”
la seconda aria è un crescendo verso una visione ancora più poetica
ed onirica. velluti setosi, lussuosi caftani devorée, ricche stampe esotiche prese da antichi ikat e batik; tutto conduce ad un immaginario sofisticato e fiabesco. i colori diventano ricchi e brillanti come pietre preziose: oro, rubino, zaffiro, cristallo. le silhouette si vestono di abiti bohemien e giacche pigiama dal richiamo dandy chic.
l’atmosfera è sognante e suggestiva; nell’aria il profumo di un inaspet-tato “boudoir contemporaneo”.